revel

revel
STATUTO ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE FONDATA IL 6 LUGLIO 2012 ART. 2. FILOSOFIA E PERMACULTURA L'Associazione riconosce l'intuito, oltre la razionalità, come patrimonio di tutti gli esseri umani, utile al conseguimento del benestare della propria specie e non solo; l'apprendimento esperienziale, oltre a quello intellettuale, come strumento indispensabile per far proprie le metodologie di progettazione; la Permacultura come sistema di progettazione per realizzare e gestire una società sostenibile. nella quale il principio della vita, l'antientropia, sia sovrano (ovvero la tendenza al minimo scarto). Il neologismo “permacultura” deriva dalla contrazione dei termini “agricoltura e/o cultura”, e “permanente”. La permacultura è sia un sistema di riferimento etico-filosofico, sia un approccio pratico alla vita quotidiana e basa la sua azione sulla progettazione. I principi etici sono: cura del pianeta; cura della persona; condivisione del surplus, ovvero la trasformazione dello scarto di un sistema, in risorsa di un altro sistema. La progettazione parte dall'osservazione e comprensione degli ecosistemi, con i loro cicli di energia e materia, dalle considerazioni di ciò che si vuole modificare, cosa si vuole ottenere e l'intenzione dell'azione, attraverso un'attenta progettazione e sfocia nell'azione seguita subito dall'osservazione e così via. Permacultura è ecologia applicata. ART. 3 SCOPI E FINALITA' L'Associazione non ha scopo di lucro.L'Associazione si propone di:1-promuovere il pensiero permaculturale, attraverso forme di solidarietà, volontariato e formazione, rinforzando la rete di persone coinvolte in pratiche sostenibili in Italia e nel mondo, cooperando con persone, associazioni e/o enti pubblici (scuole, università) e privati;2-partecipare all'evolversi e alla definizione della figura di progettista in permacultura, attarverso laboratori di pratica e pensiero;3-sperimentare, raccogliere dati, condividere modelli e tecniche adattabili alla sostenibilità in relazione a tutte le forme di vita, per esempio: pratiche di consapevolezza corpo-energia-mente ed auto-guarigione; espressione artistica ad ogni livello; alimentazione orientata all'equilibrio corporeo; riconoscimento ed utilizzo di piante spontanee commestibili; raccolta-selezione-conservazione di semi; produzione, trasformazione e conservazione degli alimenti; agrologia ed auto-fertilità del terreno; architettura spontanea ed auto-costruzione con materiali locali e naturali ;reintegrazione di ecosistemi selvatici danneggiati; modelli sociali di relazione; economie locali, solidali e sostenibili; 4-mettere a disposizione in maniera temporanea la sede e la relativa biblioteca per stage di pratica e studio per la progettazione in permacultura;

20/05/12

MANDALA

struttura in balle di paglia, intonacata esternamente in calce aerea, internamente in terra cruda, tetto vivo, pavimento in legno e terra battuta
qui avvengono: corsi, seminari, balli, feste, meditazione, danze, yoga, sogni, sonni tranquilli e molto amore!!!
ROCKET-STOVE
stufa molto efficiente, con tiraggio incorporato e massa termica per non disperdere il calore in eccesso,
materiali di costruzione: mattoni, terra cruda, barile da 200 litri e poco altro!
Qui è Cordoba, Argentina.

costruzioni in balle di paglia
utilizzare materiali naturali, come argilla, paglia, legno etc, conoscendone le caratteristiche fisico/chimiche, per poi usarli correttamente
costruire con materia del luogo


CORSI TEORICO/PRATICI DI PROGETTAZIONE IN PERMACULTURA
Questi (per)corsi durano 2 settimane, ogni giorno abbiamo 3 ore di pratica (paglia e argilla, orto sinergico, fermentazioni alimentari e non, fitodepurazione, composting-toilet conservazione semi e riconoscimento alcune erbe commestibili etc.), e 5 ore di teoria con 5/7 docenti diversi, in un clima di totale divertimento e apprendimento con l'esperienza.
FITODEPURAZIONE
la capicità delle piante di trasportare ossigeno nel sottosuolo permette ai batteri, attraverso la fermentazione aerobia, di depurare acque grigie e nere, rilasciando acqua utile per altre produzioni.

04/05/12

progettazione in permacultura


  • approccio interdisciplinare al nostro ambiente interno ed esterno per realizzarne modifiche dopo un'attenta progettazione
  • rientrare in un naturale ciclo di apprendimento esperienziale: osservare, riflettere, progettare e agire, per poi osservare nuovamente!!
  • modificare, con pazienza e umiltà, ciò che ci circonda, volendo realizzare un ecosistema in relazione con infiniti altri, consapevoli di modificare l'ambiente interno, imparando a conoscere se stessi
  • spostarsi dal proprio punto di vista, vedendo il mondo sotto altra luce
  • realizzare nel modo più profondo la radice della vita: l'anti-entropia
  • attraverso le conoscenze umane razionali e non, riesaminare e sentire i nostri ambienti, potendoli rendere più sostenibili
  • e molto altro.....